Omicidio Sassarese: sparo a bruciapelo

Un proiettile piccolo, sparato a bruciapelo e penetrato nel torace di Diego Baltolu dall'alto verso il basso, fino a nascondersi fra i tessuti molli del petto. Lo rivela l'autopsia sul corpo del 19enne di Alà dei Sardi ucciso da un colpo di pistola, la notte tra venerdì e sabato scorsi e ritrovato sui gradini di fronte all'abitazione in cui vive la fidanzata di 30 anni, a Buddusò, nel Sassarese. L'esame condotto dal medico legale Salvatore Lorenzoni in presenza del collega Francesco Serra, nominato dai familiari di Baltolu tramite il loro legale, Giampaolo Murrighile, è andata avanti fino a tarda sera, fornendo risposte utili al lavoro degli inquirenti, impegnati nella ricostruzione di una tragedia che resta ancora avvolta nel mistero. I medici legali hanno avuto non poche difficoltà a trovare l'ogiva del proiettile nel petto di Baltolu, proprio a causa delle sue dimensioni minime, e della posizione in cui si era fermata. Ora i risultati dell'autopsia saranno confrontati con i riscontri balistici e tutti i rilievi compiuti dal Ris sul luogo in cui è stato trovato il corpo del 19enne. Gli investigatori stanno cercando di ricostruire le ultime ore di vita di Baltolu per chiarire il dubbio principale sulla sua morte: il giovane barista si è suicidato o è stato ucciso? All'esame degli investigatori anche lo smartphone del giovane.(ANSA).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Olbianova
  2. GalluraOggi
  3. Sardegna News
  4. Sardegna News
  5. Olbianova

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Badesi

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...